Il governo espone le restrizioni sull'entrata e l'uscita da Cuba in un nuovo progetto di legge.

Il governo ha dichiarato che l'obiettivo di rendere noti i progetti di legge è "promuovere la partecipazione dei cittadini e contribuire alla cultura giuridica" dei cubani.

Control de Migración Cuba © CiberCuba
Controllo dell'immigrazione a CubaFoto © CiberCuba

Il governo cubano ha stabilito il trattamento degli ingressi e delle uscite dal paese attraverso la pubblicazione, avvenuta lunedì dall'Assemblea Nazionale del Potere Popolare, di un progetto di legge sulla migrazione.

Il documento presentato dall'organo legislativo cubano non presenta grandi cambiamenti rispetto ai comportamenti attualmente adottati, ma indica i valori presi in considerazione dalle autorità per consentire l'ingresso e l'uscita dal territorio nazionale, che avviene attraverso i porti e gli aeroporti internazionali disponibili per tali attività.

Per fare ciò, come avviene attualmente, è necessario avere un passaporto valido o un documento equivalente rilasciato a nome del titolare del viaggio, nonché una carta d'identità o una carta di minore come residente temporaneo, permanente, immobiliare, umanitario o provvisorio.

Gli stranieri non residenti nel paese devono ottenere un visto d'ingresso, a meno che non siano cittadini di un paese che ha accordi di esenzione con il Ministero degli Esteri dell'isola.

A partire da questi requisiti, il documento specifica alcune condizioni che regolano l'ingresso e l'uscita dal paese.

Menziona che ai fini dell'ingresso nel territorio nazionale, una persona può risultare inammissibile se presenta precedenti legati a attività di terrorismo, tratta di persone e traffico illecito di migranti, così come di droga, riciclaggio di denaro o possesso o porto illegale di armi o altri atti condannati a livello internazionale.

Inoltre, le persone coinvolte in atti lesivi contro l'umanità, la dignità, la salute pubblica non potranno accedere a Cuba.

Inquadrano tra gli inammissibili coloro che organizzano, incoraggiano o partecipano ad azioni ostili ai fondamenti politici, economici e sociali dello Stato cubano. Questo rappresenta un punto incerto nelle interpretazioni degli ufficiali dell'immigrazione e della Sicurezza di Stato.

Una condizione simile si verifica con i numerali che indicano che potrebbero essere oggetto di divieto di ingresso per motivi di Sicurezza e Difesa Nazionale, o perché sono stati dichiarati indesiderabili o espulsi. Tuttavia, in questi due ultimi casi possono essere fatte eccezioni se ci sono motivi umanitari, di interesse pubblico o se le istituzioni statali lo consigliano.

Nel frattempo, uno dei punti che attira maggiormente l'attenzione è quello delle uscite dal paese, uno dei più violati dal regime cubano, a causa della discrezione con cui è applicato dalle autorità.

Secondo quanto riportato nel documento, chiunque si trovi sul territorio nazionale non può lasciare il paese mentre ricade in una delle seguenti situazioni:

  1. Essere soggetti a procedimento penale o di qualsiasi altra materia, sempre che le autorità abbiano disposto la misura cautelare di divieto del territorio nazionale.
  2. Tenere in considerazione l'adempimento di una condanna penale in cui il divieto di uscire dal paese sia una sanzione accessoria.
  3. Trovarsi soggetto agli obblighi del Servizio Militare Obbligatorio.
  4. Quando le ragioni di sicurezza e difesa nazionale lo suggeriscono.
  5. Abbiano obblighi nei confronti dello stato cubano o responsabilità civile, sempre che siano stati disposti dalle autorità competenti.
  6. Mancanza dell'autorizzazione stabilita, in base alle norme volte a preservare la forza lavoro qualificata per lo sviluppo economico, sociale e scientifico-tecnico del paese.
  7. Essere privo dell'autorizzazione stabilita, ma al fine di preservare la sicurezza e la protezione delle informazioni ufficiali.
  8. I minori di età senza l'autorizzazione dei genitori.
  9. Quando per altre ragioni di interesse pubblico lo determinano le autorità competenti.
  10. Non rispettare quanto stabilito dalla legge sull'immigrazione, dalla legge sugli stranieri e dai relativi regolamenti.
Cattura dello schermo/Legge sull'Immigrazione

Aggiungono che le persone che presentano uno di questi segni saranno avvisate al momento dell'ingresso al porto, quando si trovano nel paese o attraverso altri mezzi appropriati.

Cattura dello schermo/Legge sull'immigrazione

Il documento pubblicato dall'Assemblea Nazionale suggerisce anche altri cambiamenti come la possibile abolizione del periodo di permanenza di 24 mesi all'estero e la designazione di migrante per questa ragione.

Il governo ha indicato che l'obiettivo di divulgare i progetti di legge è "promuovere la partecipazione dei cittadini e contribuire alla cultura legale" dei cubani.

Secondo l'agenzia di stampa ufficiale Prensa Latina, "queste proposte legislative saranno sottoposte ad analisi e discussione da parte dei deputati, con l'obiettivo di presentarle tempestivamente al Parlamento cubano".

Cosa ne pensi?

COMMENTARE

Archiviato in:


Hai qualcosa da segnalare? Scrivi a CiberCuba:

editores@cibercuba.com +1 786 3965 689